Riso rosso: proprietà e benefici

Riso rosso: proprietà e benefici
I benefici nutrizionali del riso rosso integrale sono tanti. Ma non servono al colesterolo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Si è creato un grosso equivoco sul riso rosso: esistono due prodotti nettamente distinti, che spesso vengono confusi. Uno è il riso rosso fermentato, utilizzato in farmaceutica per produrre integratori in grado di abbassare il colesterolo: si tratta di un comune riso bianco che, messo a contatto con il lievito Monascus purpureus, attiva un processo di fermentazione che sviluppa la monacolina, sostanza ipocolesterolemizzante, con l’effetto secondario  di rendere il riso  rosso.

L’altro invece è il riso integrale rosso, destinato al consumo alimentare.

Riso-rosso-colesterolo

Ci sono alcune varietà provenienti dall’estero e altre nate in Italia, volutamente create e coltivate dall’uomo per la nostra alimentazione, che non hanno nulla a che vedere con farmaci e integratori. Tra i più conosciuti ricordiamo il “Thai red” della Thailandia e il “Riz Rouge de Camargue” francese.  In Italia esistono alcune varietà di riso rosso di recente diffusione, coltivate soprattutto in Piemonte. Il riso Ermes è un rosso aromatico, derivante dall’incrocio tra il riso nero Venere e un riso bianco dal chicco aghiforme. Il Risrus ha un chicco di forma ovale e non è aromatico; nel dialetto locale significa “riso rosso”. Una novità nel panorama crescente dei risi rossi italiani è il riso Orange, coltivato alle porte di Vercelli. Così chiamato perché ha un colore tendente all’arancione, ha un chicco grosso e tondeggiante e un aroma delicato, che ben si abbina con verdure crude e cotte. Tutte queste varietà di riso hanno indubbi benefici nutrizionali:  hanno gli stessi valori del riso integrale, come fibre, lipidi e sali minerali, ma in più sono ricchi di antociani, potenti antiossidanti che conferiscono il naturale pigmento rosso al chicco. Sono gli stessi che troviamo in alcuni frutti rossi e blu, come uva e mirtilli. Come tutti i risi integrali, i risi rossi hanno tempi di cottura prolungati, intorno ai 35 minuti. Nei prossimi articoli parleremo di come cucinarli. Nel frattempo se avevate dei dubbi sugli poteri curativi o sui possibili effetti collaterali di cui i media ultimamente parlano, mettetevi tranquilli: il riso rosso fermentato non è quello che finisce nel vostro piatto e nulla ha a che vedere con il riso integrale rosso, che potete tranquillamente comprare per il vostro piacere di cucinarlo.

Riso_maturo

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Commenti
Articoli correlati