Perché è meglio mangiare cereali integrali?

Perché è meglio mangiare cereali integrali?

3/5

Sempre più ci viene consigliato di introdurre cereali integrali per migliorare la nostra dieta. Ma cosa sono e perché mangiarli? Quali sono le loro proprietà?

I benefici e le proprietà dei cereali integrali

Siamo soliti pensare che un’alimentazione sana e magari anche attenta alla tanto agognata linea, debba fare un basso uso di cereali, di pasta, pane, riso. Questo è vero solo in parte. Secondo le raccomandazioni internazionali questi cereali raffinati dovrebbero essere semplicemente sostituiti con i loro omologhi non lavorati: i cereali integrali.

È questo un consiglio d’alimentazione cha fatica ancora a entrare nelle abitudini. Mentre altri consigli sono noti (come ad esempio quello di consumare ogni giorno di frutta e verdura e 2 litri d’acqua o di prediligere i grassi vegetali a quelli animali) per quanto riguarda i cereali integrali vige tutt’ora poca conoscenza e confusione.

Perfino l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) suggerisce di aumentare il consumo di cereali come misura per contrastare le malattie cardiovascolari, il diabete e l’obesità.  Il consumo di cereali integrali, infatti, è associato a un miglior controllo dell’aumento fisiologico del peso e una migliore composizione del grasso corporeo, con una minore quantità di grassi.

Cereali-integrali-2

Una dieta che comprende cereali integrali è l’inizio di abitudini alimentari più sane, è più completa, varia e ricca di vitamine e minerali infatti nella scorza esterna del cereale si celano tantissime proprietà nutritive che i cereali raffinati vanno a perdere.

Cereali integrali: cosa sono e quali sono i migliori

Chiariamo anzitutto cosa sono i cereali integrali e cosa vuol dire questo aggettivo. Ogni chicco di cereale è costituito dalla crusca esterna, dal germe interno e dall’endosperma. Al contrario dei cereali raffinati, quelli integrali mantengono tutte e tre le componenti del chicco.

Ma quali sono, anzitutto, i cereali integrali? Per fare semplicemente qualche esempio potremmo elencare: il grano saraceno, l’avena integrale, l’orzo integrale, il riso bruno o il mais integrale. Per ognuno di questi cereali esiste un corrispettivo raffinato di cui dovremmo cercare di limitare il consumo. Questi cereali raffinati sono, per esempio: il couscous, la farina bianca, i cereali soffiati, la farina d’avena, il riso bianco, la polenta, le farine di orzo e di grano.

Cereali-integrali-3

Perché sono nati i cereali raffinati?

I cereali raffinati, come la farina 00, sono nati solo in un secondo momento, con l’industrializzazione. Le industrie hanno adattato, pian piano, il loro prodotto al gusto del consumatore. Secondo indagini specifiche sono arrivati alla conclusione che i clienti volevano un prodotto veloce da preparare e bello da vedere. La pasta o il riso raffinati giungevano a questo scopo: dal cereale integrale si toglievano la scorza esterna rendendolo bianco, più bello da vedere perché rimanda ad un’idea di “pulizia” maggiore. Inoltre, togliendo la parte esterna del cereale, si riduceva drasticamente il tempo di cottura.

Le ricette con i cereali integrali

Come consumare questo tipo di cereali? A dispetto di ciò che potrebbe sembrare, non è affatto difficile: i cereali integrali possono essere consumati interi, frantumati o in fiocchi e possono essere utilizzati nelle ricette esattamente come i cereali raffinati. Occhio però, solitamente pasta e riso integrale hanno un tempo di cottura più lungo quindi basterà adattare la ricetta per avere un’alternativa più sana e, secondo il parere di molti, anche molto più buona.

Sostituire gli alimenti quotidiani con i loro corrispettivi integrali è facilissimo: a colazione si potrebbero consumare, ad esempio, fiocchi di cereali integrali. Al posto del pane con farina raffinata si possono consumare pane di segale o pane integrale, biscotti d’avena, quinoa o riso e pasta integrali. Il mercato si sta velocemente adattando alla nuova domanda di cereali integrali e oggi è possibile trovare tutto questo facilmente negli scaffali del supermercato.

Cereali-integrali

Avvertenza

In alcune persone i cereali integrali potrebbero dare problemi ed essere dannosi. Si segnalano, per esempio, le persone intolleranti/allergiche al nichel (nella parte esterna dei cereali integrali ce n’è in quantità maggiore e, quindi, per loro sono dannosi). Inoltre devono fare attenzione tutte quelle persone che fanno fatica  o non possono digerire gli alimenti ricchi di fibre. In questi casi se ne sconsiglia l’uso. Ad ogni modo si consiglia sempre di chiedere maggiori informazioni al proprio medico o al proprio nutrizionista o dietologo.

Commenti
Articoli correlati