Come tagliare e pulire i carciofi con le spine

Come tagliare e pulire i carciofi con le spine

4/5

Pulire un carciofo non è esattamente l'attività più divertente che possa capitare. Ecco una semplice guida per velocizzare il processo senza rischiare di farsi male.

1. Prima di procedere con qualsiasi taglio, e necessario lavare accuratamente il carciofo. Tenendolo sotto l’acqua corrente fredda. Poi risciacquare bene tra le foglie. Per assicurarsi che sia ben asciutto, giratelo a testa in giù e date una bella scossa. Asciugatelo esternamente con un asciugamano pulito.

2. Utilizzando un grosso coltello da cucina, tagliate la parte superiore del carciofo nel punto alto esatto in cui le foglie si raggruppano.

Schermata 2015-05-20 alle 10.52.39

3. Utilizzando una forbice seghettata o un coltello togliete le spine dalle singole foglie.

togliere le spine

4. A questo punto tagliate il gambo a filo con la base del carciofo. Immergetelo in acqua bollente per circa 40. A questo punto rimuovete le foglie viola o “peli” che ricoprono il cuore dell’ortaggio.

Un consiglio: una volta tolte le foglie, i carciofi tendono a scolorire rapidamente se esposti all’aria. Se non avete intenzione di cuocerli subito, immergeteli crudi in acqua con del succo di limone.

5. Se si desidera invece utilizzare solo il cuore del carciofo, togliete allora tutte le foglie. A partire dalle da quelle più esterne, afferrate una foglia dalla cima e tirare verso il basso. La foglia dovrebbe scattare subito. Continuate fino a quando non avete rimosso tutte le foglie.

Schermata 2015-05-20 alle 10.52.49

6. Una volta che avete rimosso tutte le foglie, lascerete esposte quelle più pallide interne.

7. Adesso utilizzate un coltello da cucina per eliminare i residui di foglie dure rimaste intorno alla base. Vi consiglio di utilizzare un pelapatate per tagliare il legnoso strato più esterno del gambo.

Carciofo senza foglie

8. Come ultima cosa, tagliate il pezzo rimanente a metà sul lato lungo. Rimuovete poi le foglie viola e la parte più “pelosa”. Et voila!

[Photo credit: gourmetfood.about.com]

 

Commenti
Articoli correlati