Flower burger: l’hamburgeria vegana che piace anche ai carnivori

Flower burger: l’hamburgeria vegana che piace anche ai carnivori

3/5

Il nuovo Flower Burger apre in via Vigevano: un ultimo piccolo step primo dell'estero.

Chi è vegetariano lo sa: a Milano i ristoranti che offrono opzioni diverse per i clienti che non gradiscono carne e derivati non sono molti, fatta eccezione per i locali espressamente dedicati a vegani e vegetariani. Ma ancor più raro è avere amici e conoscenti che di buon grado rinuncino alla dose giornaliera di carne senza storcere il naso. Flower Burger nasce proprio per questo: hamburger sì vegani, ma talmente gustosi da non far sentire la mancanza della carne ai suoi estimatori.

flower-burger-via-vigevano-05

Dimenticate gli ambienti freddi, nei quali la scelta vegana è sottilmente indicata come “l’unica possibile”; il locale è colorato e allegro, dall’aria vagamente hippy. I grandi tavoli in legno naturale invitano gli ospiti a sedersi insieme in convivialità. Ma l’aspetto più importante, che porta tanti clienti a tornare, è uno solo: gli hamburger sono buonissimi.

Diverse sono le opzioni, per andare incontro a tutti i gusti: pane al carbone vegetale, curcuma o ai sette cereali, da accompagnare a burger a base di ceci, seitan o tofu e a moltissime salse. Nonostante siano presenti diversi punti vendita (a Milano in zona Porta Venezia e in via Vigevano sui navigli, l’ultima nuova apertura), Flower Burger ha mantenuto un’impronta prettamente artigianale, sia per il bun che per i burger.

flower-burger-via-vigevano-01

Oltre al menù classico, il locale offre specialità stagionali legate a particolari iniziative. In questo periodo si può gustare lo Special White, nato dalla collaborazione con Marco Bianchi, come ci racconta lo stesso titolare Matteo Toto:

“Marco non solo è promotore scientifico della fondazione Umberto Veronesi di una dieta senza carne, ma con le sue ricette dimostra che mangiare sano non significa rinunciare al gusto”.

flower-burger-via-vigevano-03

Questa comunione di intenti ha portato alla creazione dello Special White: pane integrale al grano saraceno, semi di lino e curcuma che si combina alla perfezione con un burger di riso nero, fagioli, carote, pomodori secchi, cipolle rosse e valeriana.

Solidarietà, ricerca ed un’idea ambiziosa: dimostrare che essere vegetariani, anche se solo per una sera, non significa rinunciare al gusto!

Camilla Rocca&Eleonora Sandri

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati