La focaccia di patate ripiena

La focaccia di patate ripiena

3/5

Una gustoso piatto unico che...stimola la fantasia!

Porzioni: per una torta dal diametro di 24 cm

Difficoltà: Facile

Totale: 1 ora circa

INGREDIENTI:

  • 1,2kg. di patate
  • 2 uova
  • 50gr. di parmigiano reggiano grattugiato
  • 100gr. di prosciutto cotto
  • 100gr. di formaggio a fette
  • 400gr. di spinaci
  • 50gr. di pangrattato senza glutine
  • Burro q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

di Monica Cazzaniga

Preparazione

1 – Lessate le patate con la loro buccia in abbondante acqua salata, fino a quando pungendole con uno stecchino o con una forchetta questo non riesca a conficcarsi fino al cuore del tubero.

2- A questo punto toglietele dall’acqua e passatele nello schiacciapatate (potrete anche non eliminare la buccia in quando schiacciandole con lo schiacciapatate la stessa non passerà dai forellini restando quindi nella parte superiore).

2 – Aggiungete alle patate le uova, il parmigiano, noce moscata ed aggiustate di sale e pepe ed amalgamate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo e privo di grumi, simile a quello che si ottiene per realizzare gli gnocchi.

3 – Nel frattempo fate cuocere gli spinaci con un filo d’olio extravergine d’oliva.

4- Una volta cotti strizzateli per eliminare l’acqua in eccesso e teneteli da parte per farcire la vostra torta di patate.

5 – A questo punto imburrate la teglia sia sul fondo che sulle pareti e cospargete con il pangrattato entrambe le superfici.

6- Fatto ciò aiutandovi con una sac à poche o anche semplicemente con spatola e cucchiaio, stendete l’impasto di patate precedentemente realizzato sia sul fondo della teglia che ai bordi della stessa (come per creare il fondo che si crea con la pasta frolla nelle crostate).

7 – Farcite adagiando un bello strato di spinaci, il formaggio a fette ed infine il prosciutto cotto, dopodiché ricoprite il tutto con il restante impasto di patate. Spolverate poi la parte superiore con pangrattato aggiungendovi qualche tocchetto di burro.

8 – A questo punto il tutto è pronto per essere infornato per 50 minuti a 200°C.

9- Una volta pronto estraetelo dal forno e lasciate intiepidire prima di consumare.

focaccia-patate-farcita-03

focaccia-patate-farcita-04

Se volete un mio parere però la focaccia di patate è ancora più buona dopo qualche ora o il giorno successivo, infatti raffreddandosi si indurirà leggermente e facendola scaldare leggermente l’esterno col pangrattato risulterà leggermente croccante e l’interno morbido e saporito.

Potrete poi optare per i farcimenti più disparati, uno che io trovo eccezionale è quello con funghi, speck e fontina, oppure quello realizzato con pancetta, scamorza e radicchio, o ancora con zucchine, lardo e mozzarella. Insomma, date libero sfogo alla vostra fantasia per la farcitura realizzandola con quanto amate di più o, in alternativa, con gli avanzi per liberare il frigorifero!

focaccia-patate-farcita-01

Le patate: stagionalità, proprietà e calorie

Tra le verdure predominanti del mese di gennaio troviamo certamente le patate, seppur siano sempre presenti anche in tutto il resto dell’anno. Questo tubero amato indistintamente da grandi e piccini, trova largo spazio nella cucina delle nostre case, può essere impiegato con facilità infatti sia nella preparazione di primi piatti, come ad esempio gnocchi o per fare da condimento a minestroni e pasta con verdure, ma è ottimo anche come secondo piatto per realizzare gustosi contorni, quali patate ripiene, crocchette, ma anche sformati e, i più innovativi, lo impiegano anche per preparare dei dolci.

Questo ortaggio è sempre presente nelle nostre case ed è un ottimo alleato anche quando ci troviamo ad affrontare i classici mali di stagione e problemi intestinali. Insomma è un alimenti indubbiamente conosciuto da tutti.

Ma cosa c’è da sapere su questo tubero che ignoriamo o che semplicemente diamo per scontato?

La patata è originaria del Sud America (Cile, Perù e Bolivia) venne importata in Europa nella seconda metà de XVI secolo. Inizialmente destinate ai pasti dei più ricchi, trovò poi largo utilizzo anche sulle tavole dei più poveri e divenne uno degli alimenti fondamentali nei periodi di guerra.

Ad oggi questo tubero viene coltivato ampiamente anche in Italia e, in base al periodo di coltura, ne possiamo avere tre tipologie distinte:

  • la coltura ordinaria con semina tra marzo e aprile
  • la coltura tardiva seminata tra giugno e luglio
  • la coltura primaticcia con semina tra novembre e febbraio.

La patata è costituita principalmente da acqua (si parla di una percentuale che oscilla tra il 75% e l’80%), amidi e sono ricche di carboidrati, sali minerali, fosforo, potassio e vitamina C. Hanno inoltre poco sodio ed un basso livello di colesterolo. Sono inoltre ortaggi facilmente digeribili ed aiutano le funzioni intestinali, pertanto ne è consigliato il consumo in caso di problemi legati a virus gastrointestinali, possiede inoltre anche elevate proprietà antiossidanti.

Patate: ricette e consigli

A questo punto come cucinarla? I modi sono infiniti, da lessa a fritta, al forno o utilizzata come condimento di risotti e primi piatti, fatta a purè oppure utilizzata per realizzare gnocchi, infine, forse non tutti lo sanno, in Russia viene impiegata per la preparazione della vodka! Insomma gli usi possibili sono davvero tanti. Oggi ve ne ho proposto uno: la focaccia di patate che potrete farcire come volete!

visita il suo blog: Monica’s Kitchen

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati