Chi tutela la creatività in cucina? La risposta di Carmine Coviello e Davide Mondin

Chi tutela la creatività in cucina? La risposta di Carmine Coviello e Davide Mondin

3/5

Food Law: come tutelare la creatività in cucina? Scopriamolo nel libro "Food Law".

di Mariagrazia De Castro

La cucina è creatività e la creatività è un valore che spesso viene associato all’arte e allo spettacolo ma che occupa un ruolo di grande significatività anche tra i fornelli.

Ci vuole creatività a combinare gli ingredienti e i sapori tra loro, a immaginare abbinamenti tra le diverse portate di un menu, a presentare i piatti perché la bellezza del piatto non è tanto fine a se stessa quanto valore ed espressione del “benessere” del piatto inteso come freschezza, genuinità, bontà.

food-law-05

Ma chi tutela la creatività in cucina? Il libro di Carmine Coviello – avvocato specializzato – e di Davide Mondin – esperto in valorizzazione alimentare e gastronomica – contribuisce a spiegare come avviene la tutela di un’opera creativa in cucina. Il pericolo che potevano correre i due autori, era quello di offrire un testo che si concentrasse su dettagli legislativi che, per quanto importanti e significativi, potevano interessare solo un lettore di nicchia. E invece il merito di queste pagine è prima di tutto quello di spiegare con un linguaggio preciso ma scorrevole, rigoroso ma non noioso, come l’autore di una creazione culinaria può o meno tutelare la propria opera e con quali strumenti.

food-law-06

“Il creatore di una ricetta può anzitutto ricorrere alla disciplina sul diritto d’autore per tutelare la particolare modalità da lui scelta per esprimerne e spiegarne il contenuto”.

“Oltre alle ricette vere e proprie, la tutela può ovviamente essere concessa anche a opere diverse (…) quali studi, ricerche, raccolte e quant’altro tratti il tema del cibo”.

Quali sono i presupposti perché una ricetta sia tutelabile? Che forma dare alla ricetta? In cosa consiste l’originalità della ricetta? In questa prospettiva gli autori definiscono la ricetta come un insegnamento gastronomico.

Secondo quanto stabilito dalla legge sul diritto d’autore i diritti derivanti dalla creazione di un’opera d’ingegno nascono in capo al suo inventore, l’autore della ricetta dunque. Molto spazio è dedicato in questo libro ai diritti spettanti all’autore della ricetta, sono approfonditi aspetti importanti come il diritto di distribuzione, cioè di mettere in commercio o in circolazione l’esemplare originale, in forma gratuita o per trarne profitto.

 

Inoltre gli autori si soffermano sulla segretezza della ricetta: la ricetta è un’informazione riservata? La legge prevede tutela per le informazioni di questo tipo? E il piatto, la presentazione della ricetta, hanno un valore legislativo assimilabile all’opera d’arte figurativa?

Un libro che dà molte risposte utili e che all’interno contiene anche un importante approfondimento per la registrazione sul portale My Social Recipe.

Carmine Coviello, Davide Mondin

FoodLaw La tutela della creatività in cucina, Edizioni Plan, 2016

Presentazione del volume a cura di Davide Scabin, chef patron del ristorante Combal.Zero di Rivoli.

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati