Gattinara Docg: dal Nebbiolo, un grande vino langarolo

Gattinara Docg: dal Nebbiolo, un grande vino langarolo
Di antica matrice vulcanica, il Gattinara DOCG è un grande vino langarolo, anche se poco conosciuto.

Storia e zona di produzione del Gattinara Docg

La zona di Gattinara è costituita da un territorio collinare ai piedi della catena del Monte Rosa. La tradizione della viticoltura è antichissima e risale ai tempi dell’antica Roma. Il clima soleggiato ma fresco e con notevoli escursioni termiche, consente una maturazione dell’uva nebbiolo con profumi e aromi intensi. Il suolo ha caratteristiche molto particolari rispetto ad altre zone del Piemonte. L’area di Gattinara, infatti, è stata generata dall’eruzione di materiale lavico di un antichissimo e grande vulcano. I terreni sono caratterizzati dall’abbondante presenza di rocce di granito, porfido, ricche di minerali ferrosi, che contribuiscono a dare il caratteristico colore rosso alla terra. Un terreno ricco di scheletro e povero di carbonati e calcare, che nei secoli si è rivelato ideale per coltivare il nebbiolo.

gattinara-vino-05

Gattinara Docg: vitigno e caratteristiche

Il nebbiolo è il vitigno autoctono a bacca rossa più importante del Piemonte. Il nome potrebbe derivare dalla presenza di un abbondante strato di pruina sulla buccia degli acini o dal fatto che ha una maturazione tardiva, al principio dell’autunno, quando già le colline piemontesi sono avvolte dalle prime nebbie. Il nebbiolo è un vitigno dal ciclo vegetativo lungo, che ha bisogno di terreni e condizioni climatiche molto particolari per poter arrivare a giusta maturazione, con livelli qualitativi elevati. Queste sue particolari esigenze pedoclimatiche, rendono il nebbiolo assolutamente legato alla sua terra d’origine. Oltre che nelle Langhe, è infatti coltivato solo in Alto Piemonte: a Ghemme, Gattinara, Boca, Lessona, Bramaterra, Fara, Sizzano, in Valtellina e nell’area al confine con la Valle d’Aosta. Nelle zone storiche di Barolo e Barbaresco, il nebbiolo produce alcuni tra i vini rossi più prestigiosi del mondo e a Gattinara, si esprime con caratteristiche del tutto particolari, dovute soprattutto alla particolare natura dei suoli d’antica matrice vulcanica. Il vino Gattinara Docg ha un colore rosso intenso, con riflessi granati. Il bouquet è caratterizzato da profumi eleganti di fiori e rosa, delicati aromi note di spezie e sentori terziari. Al palato ha buona struttura, complessità aromatica, trama tannica importante e decisa vena minerale. Il finale è lungo e persistente.

gattinara-vino-03

La Denominazione ed il Consorzio del Gattinara Docg

Il vino Gattinara Docg è stato insignito con la Denominazione d’Origine Controllata e Garantita nel 1990. Viene prodotto nel comune di Gattinara, in provincia di Vercelli. La base ampelografica è fissata dal disciplinare in nebbiolo per un minimo di 90% più un eventuale saldo di vespolina e/o uva rara per un 4%, fino a un massimo complessivo del 10%. Il titolo alcolometrico minimo è di 12,00% per il Gattinara, 12,50% per la versione Riserva. Prima di essere messo in commercio, il Gattinara Docg deve essere sottoposto a un periodo d’invecchiamento di almeno 35 mesi (di cui 18 in legno), che salgono a 47 nel caso della Riserva ( di cui 36 in legno). E’ inoltre consentita l’indicazione della menzione aggiuntiva Vigna, nel caso il vigneto di provenienza delle uve abbia almeno 7 anni d’età.
Il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte si occupa della promozione del Gattinara e degli altri vini prodotti con il vitigno nebbiolo in altre zone del nord del Piemonte, come Bramaterra, Fara, Ghemme, Colline Novaresi, Lessona, Valli Ossolane, Boca, Coste della Sesia e Sizzano. Un territorio di antiche tradizioni, che esprime eccellenze di grande qualità.

gattinara-vino-02

Gattinara Docg: Ttemperatura di servizio e abbinamenti

Il vino Gattinara Docg va servito a una temperatura di 16/18 °C. Si abbina molto bene a carni rosse arrosto o brasate, brasato al barolo, lepre o selvaggina in salmi, capriolo al ginepro, filetto alla griglia, filetto al vino rosso, filetto ai funghi, coq au vin.

gattinara-vino-01

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply