Gnocchi all’acqua con polvere di porcini, toma e speck

Gnocchi all’acqua con polvere di porcini, toma e speck

3/5

Il ricordo di un sentimento: una ricetta come una passeggiata in un bosco.

Porzioni: 2

Difficoltà: Media

Totale: 40 minuti

INGREDIENTI:

  • 200 g di acqua
  • 200 g di farina 00
  • 15 g di porcini secchi
  • per la fonduta
  • 150 g di toma piemontese DOP
  • 1/2 tazzina da caffè di panna fresca
  • 1 pizzico di noce moscata
  • per lo speck croccante
  • 2 fette di speck

Preparazione

1° step: speck croccante

1- Mettiamo le fette di speck sulla carta forno e inforniamo a 100° per circa mezz’ora, giusto il tempo che prepariamo il resto.

2° step: gli gnocchi

2- Frulliamo finemente i porcini fino a ridurli in polvere.

3- Appena l’acqua bolle versiamo a pioggia la farina mescolata alla polvere di porcini.

4- La mescoliamo sul fuoco un minuto circa, poi mettiamola su un tagliere e impastiamola bene.

5- Avvolgiamola nella pellicola a riposare mentre prepariamo la fonduta.

3° step: la fonduta

6- Tagliamo a pezzettini la toma e la mettiamo in pentola con la panna.

7- Mescoliamo bene con la fiamma ridotta al minimo possibile perché la fonduta se supera un certo grado di calore non riesce.

8- Appena pronta, giusto pochi minuti, spegniamo il fuoco, un pizzico di noce moscata, e mescoliamo.

4° step: cuociamo e impiattiamo

9- Mentre aspettiamo che la pentola con l’acqua per cuocere gli gnocchi arrivi a bollore facciamo gli gnocchi col solito metodo: creiamo dei lunghi cilindri grandi quanto un dito e tagliamoli a pezzettini.

10- Cuociamoli, ma non scoliamoli appena vengono a galla, lasciamoli qualche minuto in più per far cuocere bene anche l’interno che se no saprebbe di “farina cruda”.

11- Condiamoli con la fonduta, impiattiamo, e aggiungiamo i pezzettini di speck che avremo semplicemente spezzato a mano e servite.

Gnocchi-porcini-fonduta-toma-petali-speck-2

Gnocchi-porcini-fonduta-toma-petali-speck

Abbinamento vino

  • Falanghina
  • Erbaluce di Caluso
  • Carema Riserva DOC
  • Monferrato Rosso Pin


Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati