Lo gnocco fritto modenese: un nome per tante ricette

Lo gnocco fritto modenese: un nome per tante ricette

4.3/5

Ricette diffuse in tutta l’Emilia Romagna, da Bologna a Modena, da Piacenza a Ferrara, con nomi differenti ma con un gusto irripetibile.

Lo gnocco fritto: la storia e il territorio

Pasta fritta, di colore dorato, vuota all’interno e di un sapore unico e pieno. Le forme possono variare fino al tondo, la grandezza, anche quella, può essere differente, ma il gusto, quello sì, rimane comunque irripetibile. E se rimane irraggiungibile l’accompagnarlo con i salumi, con cui si sposa in un incredibile esplosione di gusto, sono infinite le varianti con cui si può assaggiare questa prelibatezza. Stiamo parlando, naturalmente, dello Gnocco fritto: una squisitezza tipicamente emiliana, diffusa in tutta la regione, dall’Emilia alla Romagna, con molte varianti e molti nomi.

gnocco-fritto-05

La sua storia è antica e si crede risalga al popolo del Longobardi che dopo la caduta dell’Impero Romano conquistarono queste terre. Proprio tra i longobardi, infatti, si era diffuso l’uso culinario dello strutto che risulta tuttora un ingrediente indispensabile per la preparazione del vero gnocco fritto. Ben oltre i Longobardi la sua storia proseguì in Emilia Romagna dove lo gnocco fritto divenne un alimento quotidiano tra la popolazione contadina. Così fu almeno fino agli anni Sessanta

gnocco-fritto-07

I NOSTRI PRODOTTI

La Bottega gastronomica dei piccoli produttori italiani

  • Mortandela affumicata della Val di Non - Riserva Roen - 250g ca

    Mortandela affumicata del

    8,70 €

  • Prosciutto cotto affumicato - Selezione Verdés - 700 g ca.

    Prosciutto cotto affumica

    11,70 €

  • Kaminwurzen (Salamino Affumicato) 140g ca.

    Kaminwurzen (Salamino Aff

    2,70 €

  • Mortadella Classica Presidio Slow Food 500g.

    Mortadella Classica Presi

    12,40 €

  • Mortadella Sette Chiese Bio Trancio 500g. ca.

    Mortadella Sette Chiese B

    12,40 €

  • Mortadella Galliani al Pistacchio di Bronte 1,2k. ca.

    Mortadella Galliani al Pi

    16,65 €

  • Salame crudo di Langa 250g ca.

    Salame crudo di Langa 250

    4,80 €

  • Salame al Barolo 250g ca.

    Salame al Barolo 250g ca.

    5,80 €

  • Salame di Cinghiale 250g ca.

    Salame di Cinghiale 250g

    8,70 €

  • Salame Crudo di Bue 250g ca.

    Salame Crudo di Bue 250g

    8,72 €

  • Ventricina del Vastese 300g ca.

    Ventricina del Vastese 30

    8,11 €

  • Salsiccia allo Zafferano 240g ca.

    Salsiccia allo Zafferano

    6,70 €

  • Braciola di Porchetta di Selci 500g. ca.

    Braciola di Porchetta di

    9,54 €

  • Bresaola di suino 650g ca.

    Bresaola di suino 650g ca

    31,50 €

  • Salame di bovino e suino 450g ca.

    Salame di bovino e suino

    21,90 €

  • Bresaola della Valtellina IGP Punta D'Anca 1,3kg ca.

    Bresaola della Valtellina

    54,80 €

  • Salamino affumicato 120g ca.

    Salamino affumicato 120g

    4,60 €

  • Crudo di manzo affumicato 200g ca.

    Crudo di manzo affumicato

    10,90 €

  • Salame classico 400g ca.

    Salame classico 400g ca.

    9,60 €

  • Salame al Montepulciano d'Abruzzo DOC 480g. ca

    Salame al Montepulciano d

    12,80 €

  • Bresaola di maiale 500g ca.

    Bresaola di maiale 500g c

    17,80 €

  • Capocollo 500g ca.

    Capocollo 500g ca.

    14,40 €

  • Ventricina di Enrico

    Ventricina di Enrico

    8,90 €

  • Räucherwurzen Salamino con cervo 150g ca.

    Räucherwurzen Salamino c

    2,70 €

  • Prosciutto Crudo di Parma DOP 1,3kg ca.

    Prosciutto Crudo di Parma

    59,90 €

  • Guanciale 950g ca.

    Guanciale 950g ca.

    20,30 €

  • Coppa di Parma IGP 800g ca.

    Coppa di Parma IGP 800g c

    29,90 €

  • Salame Milano 1.6kg ca.

    Salame Milano 1.6kg ca.

    32,80 €

I vari nomi e la diffusione

Le province di Modena, Reggio Emilia e Bologna sono quelle in cui lo gnocco fritto è una denominazione tipica, dove è maggiormente diffuso e in cui ha le sue radici storiche e culturali. Naturalmente tra una zona e l’altra ci sono delle differenze che si riflettono soprattutto nei diversi nomi che questo prodotto ha in territori differenti. Così, se nelle provincie di Modena e Reggio Emilia viene chiamato, appunto, gnocco fritto (“gnòc fret” in dialetto), nella maggior parte della provincia di Bologna prende comunemente il nome di “crescentina” (nome, quest’ultimo, che nel modenese indica invece un altro prodotto). Ancora, se a Piacenza è conosciuto come “chisolino” o “chisola” (chisulén in dialetto), a Parma si chiama torta fritta mentre a Ferrara si parla di “pinzino” (qui muta anche la forma: circolare con dei buchi sulla superficie). Un groviglio di nomi e tradizioni, insomma, che nascondono però una tradizione unica e ricette che si differenziano per qualche variante.

gnocco-fritto-03

La ricetta modenese dello gnocco fritto

Per esplorare allora il variegato mondo dello gnocco fritto non ci resta che vedere qualche ricetta, per capirne somiglianze e differenze. Anzitutto la ricetta modenese. Come ingredienti servono in questo caso 1kg di farina, 20 g di sale, 1 cucchiaio di strutto, 1 bustina di lievito e ½ litro di acqua. Ed ecco il procedimento. 

gnocco-fritto-01

Procedimento

1- dopo aver impastato tutti gli ingredienti e aver fatto riposare la pasta ottenuta per 30 minuti è tempo di tirare la stessa fino a formare una sfoglia alta 3-4 mm.

2- A questo punto bisogna tagliare la pasta a rombi.

3- Friggerli in una pentola di strutto bollente.

La ricetta bolognese delle crescentine e gli abbinamenti

Se volessimo invece preparare delle crescentine bolognesi ci occorrerebbero come ingredienti 1kg di farina, 1 cubetto di lievito fresco, 2 o 3 cucchiai di olio d’oliva extravergine, 2 cucchiai di sale fino, dell’acqua tiepida e del latte intero.

Procedimento

1- Il primo passaggio consiste nello sciogliere il lievito nell’acqua tiepida.

2- Dopo aver setacciato la farina con il sale, unire porre il lievito sciolto e l’olio e impastare il tutto aggiungendo il latte fino ad ottenere una pasta omogenea e morbida.

3- L’impasto va quindi lasciato riposare in una ciotola per un paio d’ore passate le quali è tempo di stenderlo per formare una sfoglia di 3-4 mm di altezza.

4- Si ripete ora l’ultimo passaggio: tagliare a rombi e friggere.

gnocco-fritto-04

5- Le indicazioni per gustare queste prelibatezze possono essere simili: è meglio gustare lo gnocco fritto caldo, magari accompagnato da salumi tipici dell’Emilia Romagna e da un buon bicchiere di Lambrusco.

6- Molti però sono gli altri accompagnamenti possibili che variano dai formaggi freschi ai sottaceti.

Le migliori ricette dello gnocco fritto

Gnocco fritto di Piccole Ricette

Commenti
Articoli correlati