15 Dicembre: a Milano si festeggia col panettone artigianale

15 Dicembre: a Milano si festeggia col panettone artigianale
Anche quest'anno si festeggerà a Milano la "Giornata del Panettone" con assaggi gratis in più di 80 pasticcerie.

di Guido Gabaldi

Nessuno di noi può dire con certezza da quanto tempo a Milano si sforni ilpanetùn”. Le date di nascita sono più d’una e così i miti eziologici: carino, ad esempio, quello dell’inserviente della cucina ducale Toni di Ludovico Maria Sforza “il Moro” (1452 – 1508). Pare che Toni se lo sia inventato all’ultimo momento alla vigilia di Natale, per allietare il banchetto del Duca: da allora si parla di “el pan del Toni”, da lì il nome “panetùn“. Storicamente può essere vero o falso, poco importa: quel che conta è la concretezza milanese di oggi, che vede un business in crescita per un valore di 2,5 milioni in più rispetto allo scorso anno, +5%. Affari per 60 milioni legati al dolce tipico milanese, che vale circa un quarto delle vendite in pasticceria di questo periodo. Emerge da un’indagine della Camera di Commercio di Milano su oltre trenta pasticcerie milanesi contattate in questi giorni. Per 9 clienti su 10 va il liscio con uvetta e canditi. Per i pasticcieri è il simbolo principale e naturale di Milano (55% moltissimo, 42% molto).

Stiamo parlando di un settore (prodotti da forno e dolci lombardi) che, stando ad un’elaborazione su dati Istat, sempre della Camera di Milano, all’estero vale 600 milioni all’anno. Supera i 200 milioni di euro l’import-export milanese nel primo semestre 2016, di cui 137 milioni solo di export che si dirige soprattutto verso l’Unione Europea (108 milioni), America del Nord ed Estremo Oriente.

panettone-02

Ha commentato Alfredo Zini, consigliere della Camera di Milano per il settore commercio.

“Il panettone, come emerge dall’indagine, è uno dei marchi più riconoscibili della nostra città. Rappresenta un dolce di successo anche per gli stranieri che possono avvicinarsi a una tradizione milanese, sinonimo di buon gusto e qualità. Anche quest’anno il panettone non mancherà e sarà protagonista in tavola, per festeggiare il Natale.”

Meglio un protagonista artigianale e tradizionale, magari. A Milano e dintorni viene realizzato secondo un regolamento tecnico redatto oltre dieci anni fa e condiviso da 150 pasticcerie,

Ha dichiarato Liberata Dell’Arciprete, consigliere della Camera in rappresentanza dei consumatori:

“Grazie al disciplinare di produzione del panettone tipico della tradizione artigiana milanese oltre che dare un marchio al panettone tipico prodotto nei vari forni della città, consentiamo al consumatore di poter scegliere un prodotto simbolo del Natale di cui conosce gli ingredienti utilizzati (e quelli per cui non è consentito l’uso) e anche l’intero processo di produzione”.

panettone-03

E non è finita: il 15 Dicembre l’arte pasticcera milanese si mette alla prova nella “Giornata del Panettone: assaggi gratis in 80 pasticcerie”. I pasticcieri aderenti esporranno in vetrina la vetrofania per invitare i clienti alla prova del panettone artigianale.

Il segretario generale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano Marco Accornero continua:

“Il panettone ancora oggi è prodotto in modo artigianale con l’accuratezza, la sapienza, gli ingredienti nostrani e il buon gusto di una volta. Per questo valorizziamo, partecipando a questa iniziativa con esperti pasticcieri, le qualità di un prodotto simbolo della nostra città”.

E quindi chi desidera un Natale all’insegna della buona tavola e delle consuetudini di una volta, che non spariscono perché radicate nella nostra cultura, avrà anche quest’anno pane per i suoi denti. Pane, o “pan del Toni”, o panettone per tutti i gusti, sia classico sia nella varietà di proposte contemporanee e di golosità aggiunte all’impasto: perchè il vero milanese alla tradizione ci tiene, ma sa sempre come andare oltre.

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply