La peverada: la salsa piccante di origine medievale

La peverada: la salsa piccante di origine medievale

3/5

Una tipica salsa medievale di accompagnamento ai piatti di carne, oggi tornata in voga.

Porzioni: 4

Difficoltà: Facile

Totale: 1 ora circa

INGREDIENTI:

  • 25 g di peperoncini piccanti
  • 25 g di farina bianca 00
  • 3 tuorli sodi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 15 g di capperi
  • 3 acciughe diliscate
  • la scorza grattugiata di mezzo limone
  • 2 gambi di sedano
  • olio extra vergine di oliva
  • aceto aromatico
  • noce moscata
  • sale
  • pepe

La peverada, chiamata anche salsa peperata, ha origini medievali: è menzionata in un banchetto del 1148 come accompagnamento alla carne di maiale.

La ricetta originaria era a base di pepe, oggi sostituito dai peperoncini, spesso comprendeva altre spezie: in passato il largo impiego di queste sostanze aromatizzanti serviva per “bonificare” i cibi mal conservati e camuffarne il sapore sgradevole.

Preparazione

1- Far tostare leggermente la farina in una padella antiaderente.

2- Tritare i peperoncini, l’aglio, il sedano, i capperi, le acciughe.

3- Mettere tutto nel frullatore insieme alla farina, alla scorza grattugiata e ai rossi d’uovo sodi.

4- Frullare diluendo con olio e aceto aromatico versandoli poco per volta.

5- Insaporire con la noce moscata e il pepe, regolare di sale.

PEVERADA-cover

A presto,

Chiara Rozza

www.kucinadikiara.it

Facebook

Twitter

Instagram

Commenti
Articoli correlati