Nocciolini di Chivasso: dal Canavese una dolcissima specialità

Nocciolini di Chivasso: dal Canavese una dolcissima specialità
Solo tre ingredienti, uniti ad arte da un maestro pasticcere nell'Ottocento.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]I Nocciolini di Chivasso sono piccoli dolci a base di meringa e nocciole piemontesi. Sono prodotti tipici di Chivasso, cittadina nel Canavese, e sono riconosciuti come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (P.A.T.) italiano.

Nocciolini di Chivasso: cenni storici

I Nocciolini di Chivasso nacquero intorno al 1850 ad opera del pasticcere Giovanni Podio. Nel 1900 il genero del loro inventore, il signor Ernesto Nazzaro, li fece conoscere all’Esposizione Universale di Parigi e nel 1911 a quella di Torino. I Nocciolini di Chivasso ottennero gran successo e nel 1904 Nazzaro ottenne il brevetto, col relativo marchio di fabbrica rilasciato dal Ministero del Commercio del Regno d’Italia. La fama dei Nocciolini di Chivasso aumentò quando Vittorio Emanuele III di Savoia, che ne era goloso, concesse all’intraprendente produttore di Chivasso il titolo di “fornitore della Real Casa”.

Luigi Bonfante contribuì invece a far conoscere in tutta Italia i Nocciolini di Chivasso, rivestendoli con un pacchetto rosa che ancora oggi li contraddistingue.

In realtà questi piccoli dolci si producevano già dall’inizio dell’Ottocento, ed erano chiamati Nuasèt, dal francese Noisette (nocciola). A seguito della messa al bando dei nomi stranieri, mantennero il loro nome francese fino all’avvento del fascismo, poi presero il nome di “nocciolini”.

nocciolini-chivasso.03

Le caratteristiche dei Nocciolini

I Nocciolini tradizionali hanno dimensioni di pochi centimetri ed hanno la forma di una piccola goccia o di una mezza cupola. Sono friabili, fragili e soggetti all’umido.

I Nocciolini di Chivasso sono composti da solo tre ingredienti: nocciole della varietà “Tonda gentile delle Langhe” sgusciate e tostate, zucchero e albumi montati. La difficoltà di questa ricetta è nella sapienza della miscela e dei tempi di lavorazione.

Ricetta dei nocciolini di Chivasso

Ingredienti per 300 g

  • Nocciole Piemonte IGP sgusciate 80 g
  • 2 uova
  • Zucchero 200 g

Preparazione

  • Tostare le nocciole nel forno a 180°;
  • Tritare finemente le nocciole e unire allo zucchero;
  • Montare gli albumi a neve e unire le nocciole e lo zucchero;
  • Mescolare il tutto;
  • Riscaldare il forno a 130-150°;
  • Imburrare e infarinare la placca (o mettere la carta forno);
  • Versare il composto in una sac à poche e disporre sulla placca tante noccioline di impasto;
  • Infornare per 30 minuti circa

nocciolini-chivasso.04

Le calorie dei nocciolini

1 porzione di Nocciolini di Chivasso (100 g) ha circa 500 calorie.

Abbinamenti con i nocciolini

I Nocciolini di Chivasso si accompagnano allo zabaione e questo abbinamento è talmente apprezzato che esiste persino una Confraternita dël Sambajon e djj Nocciolini.

Consigliamo inoltre di immergere i Nocciolini di Chivasso in buon calice di Alta Langa spumante rosato.

Il Nocciolino di Chivasso

Il Nocciolino di Chivasso è un liquore dolce a base di infuso di nocciole, classificato come “Prodotto agroalimentare tradizionale del Piemonte”. Le nocciole vengono messe in infusione in alcool per permettere l’estrazione degli oli essenziali. Il Nocciolino di Chivasso è stato ideato e brevettato dalla ditta Capella Giovanni di Chivasso dopo la seconda guerra mondiale. La Capella oggi non esiste più ed ha venduto il brevetto alla ditta Francoli di Ghemme (NO).

[Photo Credits: parks.it]


Lorenzo Vinci
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Commenti
Articoli correlati