Piave Raboso DOC: dalla Marca Trevigiana, un vino “rabbioso”

Piave Raboso DOC: dalla Marca Trevigiana, un vino “rabbioso”

3/5

Famoso fin dal '600 come bevanda "riscaldante" da viaggio, è oggi un vino dalla tradizione unica ed inimitabile.

di Alessio Turazza, giornalista e sommelier

Piave Raboso: storia, zona di produzione e territorio

Il raboso è un vitigno a bacca rossa da secoli coltivato nelle terre della Marca Trevigiana. La sua etimologia potrebbe essere legata proprio alle sue caratteristiche di vino aggressivo “rabbioso”, dal carattere forte e deciso. Nel corso del ‘600 era un vino molto famoso ed era conosciuto come “vino da viaggio”, per la sua caratteristica di resistere nelle stive delle navi durante i lunghi viaggi sulle rotte oceaniche senza alterarsi. Per alcuni secoli la sua coltivazione ha caratterizzato il grande vigneto della zona del Piave e solo nel corso degli anni ’50 e ’60 è cominciato il suo declino, in favore delle varietà internazionali di maggior successo e fama, come merlot, cabernet sauvignon e cabernet franc. Grazie all’impegno e alla tenacia di alcuni produttori, la tradizione del Raboso è stata tenuta viva e oggi dona vini molto interessanti e dalla personalità unica e inimitabile.

piave-raboso-doc-01

Piave Raboso: il vitigno e le caratteristiche

Il raboso è un vitigno vigoroso e dalle caratteristiche piuttosto rustiche. Ha un ciclo vegetativo lungo, con epoca di germogliamento precoce e maturazione tardiva, verso la fine di ottobre. Si è ambientato perfettamente nei territori di natura alluvionale, ricchi di ciottoli, sabbia e sassi, che poggiano su substrati di matrice calcareo-argillosa, della pianura del Piave. È un’uva fortemente legata al suo territorio d’origine, tanto che non è coltivata in altre zone d’Italia. Il vino Piave Raboso DOC ha un colore rosso scuro. Il suo bouquet esprime note di ciliegia, marasca, frutti rossi e sentori speziati. Al palato denota una grande struttura, è potente, con trama tannica importante, viva freschezza, frutto ricco e maturo. Il finale è lungo e persistente. Da giovane è molto spigoloso e ruvido, per via dell’acidità elevata e di tannini ancora aggressivi. Solo dopo alcuni anni d’affinamento in legno il vino trova un suo equilibrio espressivo, con una maggior armonia gustativa. E’ un vino adatto al lungo invecchiamento e con il passare degli anni sviluppa note terziarie complesse e aromaticamente molto interessanti.

piave-raboso-doc-02

La Denominazione e il Consorzio del Piave Raboso

I vini Piave DOC hanno ottenuto il riconoscimento della Denominazione d’Origine Controllata nel 1971. La zona di produzione comprende i territori dei comini di Fossalta di Piave, Marcon, Meolo, Noventa di Piave, Quarto d’Altino, San Donà di Piave e parte del territorio dei comuni di Venezia, Ceggia, Eraclea, Jesolo, Musile di Piave, Torre di Mosto in provincia di Venezia e i territori dei comini di Arcade, Breda di Piave, Casale sul Sile, Cessalto, Chiarano, Cimadolmo, Codognè, Fontanelle, Godega Sant’Urbano, Gorgo al Monticano, Mareno di Piave, Maserada sul Piave, Monastier, Oderzo, Ormelle, Ponte di Piave, Ponzano Veneto, Portobuffolè, Povegliano, Roncade, Salgareda, San Biagio di Callalta, San Fior, San Polo di Piave, Santa Lucia di Piave, Spresiano, Vazzola, Zenson di Piave e parte del territorio dei comuni di Carbonera, Casier, Gaiarine, Mansuè, Mogliano Veneto, Orsago, Preganziol, Silea, Villorba, Colle Umberto, Conegliano, Cordignano, Giavera del Montello, Montebelluna, Motta di Livenza, Nervesa della Battaglia, Paese, San Vendemiano, Susegana, Trevignano, Vittorio Veneto e Volpago del Montello in provincia di Treviso. La base ampelografica del Piave Raboso DOC è fissata dal disciplinare in un minimo dell’85% di raboso del piave e/o raboso veronese, con un eventuale saldo del 15% di uve a bacca rossa di altre varietà autorizzate nelle province di Treviso e Venezia. Il titolo alcolometrico minimo è fissato in 11%. Per la versione Raboso Passito, le uve sottoposte ad appassimento naturale devono assicurare un titolo alcolometrico minimo di 15%.

piave-raboso-doc-04

La Confraternita del Raboso del Piave è stata fondata nel 1996 e si occupa di promuovere la valorizzazione del vino Raboso del Piave e di preservare le tradizioni enogastronomiche del territorio della Marca Trevigiana.

Temperatura di servizio e abbinamenti del Piave Raboso DOC

Il Piave Raboso DOC si serve a una temperatura di 16/18 °C. A tavola si abbina con carni rosse in umido, arrosti importanti o con la cacciagione.
Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati