Il “brisket” di manzo al caffè Huehuetenango

Il “brisket” di manzo al caffè Huehuetenango
La punta di petto o "brisket" di manzo è una carne tenera, in questa ricetta resa ancora più speciale dall'utilizzo del caffè Huehuetenango di L'Art Caffè.

[vc_row css=”.vc_custom_1447258381165{padding-top: 10px !important;padding-right: 10px !important;padding-bottom: 10px !important;padding-left: 10px !important;background-color: #ee7103 !important;}”][vc_column width=”1/3″][vc_column_text el_class=”ricetta”] Porzioni: 2[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_column_text el_class=”ricetta”] Difficoltà: Media[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_column_text el_class=”ricetta”] Totale: 3 ore circa[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1447258267998{padding-top: 10px !important;padding-right: 10px !important;padding-bottom: 10px !important;padding-left: 10px !important;background-color: #f2f2f2 !important;}”][vc_column width=”1/2″][vc_column_text]

INGREDIENTI:

  • Caffè Huehuetenango di L’Art Caffè
  • 300 g Punta di petto di manzo
  • 1 Costa di sedano Sedano
  • 1 Carota
  • 1 Cipolla
  • 50 g Burro
  • 200 g Patate
  • 50 ml Latte
  • 50 ml Panna
  • 1 Bicchiere di birra doppio malto
  • Farina
  • Olio
  • Sale
  • Pepe

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”30411″ img_size=”full”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

 Preparazione

1- Iniziamo la preparazione preparando la carne. La priviamo di tutte le nervature e la riduciamo a pezzetti non troppo piccoli e la riponiamo in una ciotolina a marinare con poco olio e pepe.

Filetto-di-manzo-art-cafe_08

2- Nel frattempo riduciamo le verdure (sedano, carota e cipolla) in un trito aromatico molto fine.

3- Le adagiamo in padella con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino e cuociamo il tutto fino a far appassire bene le verdure.

Filetto-di-manzo-art-cafe_03

Filetto-di-manzo-art-cafe_04

Filetto-di-manzo-art-cafe_05

4- Togliamo il tutto dal fuoco e riponiamo il soffritto in una ciotolina.

Filetto-di-manzo-art-cafe_09

5- Prendiamo ora un pentolino, adagiamo un filo d’olio e scaldiamo bene, una volta caldo aggiungiamo la carne e la sigilliamo per bene.

Filetto-di-manzo-art-cafe_10

6- Una volta sigillata aggiungiamo nuovamente le verdure e sfumiamo con un bel bicchiere di birra scura doppio malto che con i suoi sentori di tostato ricorderà un po’ il caffè Huehuetenango di L’Art Caffè, dopodiché abbassiamo la fiamma e facciamo cuocere per circa 2 ore aggiungendo acqua nel caso il fondo si restringesse troppo.

Filetto-di-manzo-art-cafe_11

Filetto-di-manzo-art-cafe_13

7- Nel frattempo mettiamo a bollire le patate partendo da acqua fredda e maciniamo il caffè con un frullatore in modo da mantenere grana della macinata non troppo fine.

Filetto-di-manzo-art-cafe_02

Filetto-di-manzo-art-cafe_06

Filetto-di-manzo-art-cafe_07

8- Aggiungiamo il caffè di al composto. È molto importante aggiungere il caffè al momento giusto e cioè quando l’ambiente in cui viene inserito è umido e il profumo e il sapore si può infondere, non bisogna assolutamente aggiungere il caffè ad inizio preparazione quando la fiamma è molto alta perché il rischio è di bruciarlo e di renderlo quindi amaro.

Filetto-di-manzo-art-cafe_12

9- Una volta cotte le patate le mettiamo in un pentolino con un po’ di latte e un po’ di panna e frulliamo il tutto in crema. È importante che non sia troppo solida perché dev’essere la base del piatto.

Filetto-di-manzo-art-cafe_14

10- Passate le due ore di cottura della carne ci prepariamo all’impiattamento.

Presentazione

Adagiamo in una fondina la crema di patate e aggiungiamo poi i dadini di carne ben cotta e completiamo con una spolverata di caffè in polvere, un pizzico di sale e la salsa della carne alla quale abbiamo aggiunto una noce di burro ripassato nella farina per lucidarla e al tempo stesso addensarla. 

Filetto-di-manzo-art-cafe_16

Filetto-di-manzo-art-cafe_17

Filetto-di-manzo-art-cafe_18

 

Filetto-di-manzo-art-cafe_19

[Ricetta di: Nicolò Zambello; Photo Credits: Cristina Sinelli]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Commenti
Articoli correlati