Il Tre Cristi di Milano punta tutto sui giovani

Il Tre Cristi di Milano punta tutto sui giovani
Dopo il genio dello chef Paolo Lopriore, il ristorante Tre Cristi si rinnova e si veste di gioventù.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]di Camilla Rocca

Allure, tovagliato e anima da grande ristorante francese, il ristorante Tre Cristi di Milano non cambia vesti ma stilista: dopo l’esuberanza di Paolo Lopriore è la volta dei giovani. Età media di un lustro nella brigata, a partire dallo chef napoletano Dario Pisani.

Lo chef del Tre Cristi Dario Pisani

Un nuovo indirizzo gourmet nel quartiere futurista di Porta Nuova Varesine con una mano che ha lavorato 3 anni da Enrico Crippa al Piazza Duomo di Alba, che ha trasmesso l’importanza del valore estetico dei piatti, Carlo Cracco a Milano, dove ha appreso il rigore e il rispetto del lavoro di squadra e, forse, uno degli ultimi allievi di Gualtiero Marchesi, presso l’omonimo ristorante sotto i portici del Teatro alla Scala, da cui ha interiorizzato il culto per la materia prima e la raffinata sintesi dei piatti, Dario Pisani è un nome da segnare sull’agenda degli chef emergenti.

ristorante-tre-cristi-recensione-01

Rigoroso, preciso e attento all’estetica dei piatti Dario Pisani mescola le proprie origini napoletane con la classicità della sua formazione, un culto ossessivo per la materia prima di altissima qualità e una sintesi che risulta sempre essenziale ed elegante.

ristorante-tre-cristi-recensione-02

Il menù del ristorante Tre Cristi

Le diverse tipologie di pasta fresca e il pane sono rigorosamente fatti in casa con farine biologiche ma Dario Pisani vuole sorprendere e coinvolgere i propri ospiti, partendo dall’antipasto signature: Uovo morbido in sfoglia con i suoi condimenti: la golosità di un uovo all’interno di una pasta sfoglia, che viene rotto al momento e che si abbina a una serie di sapori che chi solo chi è a tavola decide, tra le varie proposte.  Altre proposte cult dello chef sono il Risotto affumicato con gamberi e limone candito, dai sapori equilibrati e delicati, senza essere scontati; i Ravioli di zucca, baccalà mantecato, zenzero e consommé dashi, tributo all’Oriente che si accosta a un piatto della più salda tradizione regionale e la Guancia brasata al vino rosso, crema di carote e bietole, per gli amanti della carne tout court, condita dai i più succulenti intingoli.

ristorante-tre-cristi-recensione-04

Per dolce, tornando a privilegiare l’interazione, il rapporto diretto con gli ospiti e la sorpresa, il Cannolo scomposto, dalla cialda più leggera del tradizionale, può trasformarsi da uno a sette cannoli con diverse granelle, creme e delicatezze.

ristorante-tre-cristi-recensione-05

I prezzi del Tre Cristi

A cena, il menu alla carta si affianca al percorso degustazione “A piacer mio”, da 80,00 euro (vini esclusi), con cinque portate selezionate dallo chef e armonizzate sia al gusto del cliente che alla stagionalità delle materie prime. Questa formula prevede la possibilità di abbinare quattro calici di vino attinti dalla ricca cantina.

Il business lunch diventa interessante con la proposta di due piatti a scelta dal menu al costo accessibile di 30,00 euro, comprensivi di acqua, coperto e caffè. Il team di sala è ben affiatato, e come si confà a un ristorante francese di livello Federica Russo, restaurant manager e anima della sala e Monica Angeli, esperta di vini, coccolano il cliente, regalando momenti speciali agli ospiti che scelgono di vivere emozioni culinarie al Tre Cristi Milano.

ristorante-tre-cristi-recensione-06

Tutte le info

Tre Cristi Milano

www.trecristimilano.com

Via Galileo Galilei, 5 – 20124 Milano (MI)

02 29062923

Lorenzo Vinci
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Commenti
Articoli correlati