La salsiccia di Bra: leggendaria e dalla origini regali

La salsiccia di Bra: leggendaria e dalla origini regali
Un insaccato prodotto con ingredienti di altissima qualità, dalle origini leggendarie.

La “Salsiccia di Bra” o in dialetto “Salciccia di Bra”(“Sautissa ëd Bra”), riconosciuta nell’Atlante dei Prodotti Agroalimentari tradizionali del Piemonte (ai sensi dell’art. 8 del D lgs. 30 aprile 1998, n° 173 e D.M. n° 350 del 8 settembre 1999), è un insaccato tipico dell’omonima città piemontese in provincia di Cuneo. E’ un salume tutelato anche da un Consorzio di cui fanno parte soltanto undici macellerie braidesi.

Le caratteristiche della salsiccia di Bra

La Salsiccia di Bra, preparata con carni magre di bovino e pancetta di suino (rigorosamente provenienti da allevamenti piemontesi), ha una forma cilindrica allungata di un diametro che varia dai 2 ai 3 centimetri ed è lunga non meno di un metro. L’impasto compatto ma al tempo stesso tenero e morbido, è di un colore rosato con piccoli globuli di grasso bianco.  Questa particolare salsiccia, non avendo bisogno di stagionatura, viene consumata fresca tutto l’anno.

salsiccia-bra-03

Salsiccia di Bra: la storia

Anticamente la salsiccia di Bra veniva realizzata solo con carne bovina, così che anche gli abitanti della comunità ebraica del limitrofo comune di Cherasco (che per la loro religione non potevano mangiare carne suina), potessero degustarla. Infatti anche un Regio Decreto, emanato a seguito dello Statuto Albertino, autorizzava i macellai di Bra ad utilizzare il bovino nella preparazione di salsiccia fresca, mentre nel resto d’Italia lo proibiva.

salsiccia-bra-06

La produzione e la conservazione della salsiccia di Bra

La carne magra di bovino viene unita a pancetta di suino, macinata finemente, condita ed insaccata nel budello naturale. I tagli di carne selezionati vengono tritati con piastre aventi fori 4-6 mm e quindi uniti alla pancetta per una seconda tritatura. Le spezie utilizzate per aromatizzare questa saporita salsiccia sono: cannella Ceylon, chiodi di garofano, coriandolo, pimento (pepe della Giamaica), noce moscata, macis, semi carvi (cumino dei prati), aromi naturali, sale e pepe. Nell’impasto è possibile aggiungere fino al 20% di acqua per favorire una buona miscelazione delle spezie.

Il prodotto deve essere venduto e degustato fresco e può essere conservato per un periodo massimo di due giorni senza aggiungere conservanti.

salsiccia-bra-07

Usi e ricette con la salsiccia di Bra

Questa leccornia viene gustata fresca, cotta alla griglia, sulla piastra, in padella con pochissimo burro o sfumata con vino bianco o rosso, ma essa viene specialmente assaporata cruda. Alcuni piatti dove viene utilizzata questa prelibata salsiccia sono: il Sugo di Salsiccia di Bra e carne di vitello, il Brasato al Roero, i Tajarin al sugo di salsiccia e carne, la Minestra di Trippa e Ceci o semplicemente la Salsiccia di Bra cruda con, eventualmente, pinzimonio.

salsiccia-bra-02

[Photo Credits: ©salsicciadibra.it; ©aboVo; ©lorenzovinci.ilgiornale.it]

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply