A Roma Taste of Excellence, cultura enogastronomica a 360° gradi

A Roma Taste of Excellence, cultura enogastronomica a 360° gradi

3/5

Produttori, chef, scuole ed esperti tutti insieme per tre giorni, per far sì che in cucina continui il dialogo fecondo tra tradizione e innovazione.

di Guido Gabaldi

A Roma, dal 25 al 28 novembre, si svolge la IV edizione di Taste of Excellence, l’evento dedicato al B2B del food ideato da Pietro Ciccotti che spiega come l’evento

abbia una forte connotazione B2B e punti al networking tra operatori, senza tralasciare l’aspetto B2C. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare un punto di incontro fondamentale per gli imprenditori offrendo sempre più stimoli e strumenti per affrontare il mercato. Vogliamo rispondere puntualmente alle nuove esigenze delle imprese – conclude Ciccotti -. In questa edizione abbiamo dato molta importanza al mondo della ricerca, innovazione e formazione, elementi chiave per frasi strada oggi“.

L’appuntamento romano, che ha il patrocinio dell’Università di Roma Tre – Dipartimento di Scienza e Cultura Enogastronomica, e ha visto il coinvolgimento attivo degli studenti nell’organizzazione dell’evento, riunisce in un’unica cornice produttori, chef, scuole di cucina, operatori e istituzioni.

taste-of-excellence-roma-02

Taste of Excellence: le tematiche e le novità

Molte le tematiche affrontate: novità nel campo enogastronomico, ricadute sul piano dell’economia, presentazione di piatti inediti, sostenibilità ambientale, formazione e nuove start up nel comparto della ristorazione. Tanto per avere un assaggio degli argomenti più stuzzicanti, si parlerà del cosiddetto Perfect Food, ovvero gli ingredienti utilizzati in futuro nella ristorazione e le relative innovazioni nel comparto delle attrezzature per cucina, ma anche delle novità che riguardano l’’universo “Pizza”.

A proposito di #PIZZAINNOVATION, sono in programma sabato sera 26 novembre le performance di Gabriele Bonci, maestro della pizza in teglia, e di Pier Daniele Seu – per la prima volta insieme due massimi esponenti della scena capitolina. Si cimenteranno in un gastro-meeting esclusivo tra impasti innovativi e materie prime d’eccellenza: pizza tonda, in teglia, napoletana e gourmet. Verranno presentate pizze insolite e avanguardiste, nonché evoluzioni innovative degli impasti senza limiti di espressione.

La kermesse rappresenta anche il trampolino di lancio per due nuovi portali on line dedicati al mondo del food e delle imprese. Il primo è un nuovo progetto editoriale tutto al femminile: ricettadidonna.it, una community per creare relazioni business tra imprenditrici dell’agroalimentare e della ristorazione. Il secondo, sempre firmato da Taste of Excellence, è dialoghidellacucina.it, che riunirà chef già affermati con l’obiettivo di sviluppare idee e professionalità; non sarà un sito di ricette, ma un laboratorio di ricerca e innovazione per un confronto costante sul mondo del lavoro tra chef e operatori del settore food.

taste-of-excellence-roma-03

Tra i protagonisti, lo chef stellato Andrea Ribaldone

Il programma di Taste of Excellence

Riflettori puntati, quindi, sul programma, che vedrà tra i suoi momenti salienti i “Dialoghi della Cucina”- Talk Show tra Chef di ristoranti stellati: Francesca Romana Barberini presenterà “Quando finirà lo Chef Star System?” oppure il talk show presentato da Cristina Bowerman su “Gli algoritmi della ristorazione – Esistono modelli empirici nella ristorazione?”. Grande spazio all’Excellence Academycon Corso di Cucina – Scuola “Boscolo Etoile Academy” e Cooking Show realizzati dai cuochi di APCI Lazio con prodotti BIO, a testimonianza dell’importanza del territorio e della sostenibilità ambientale nella ristorazione e spettacoli a 4 mani tra chef di ristoranti stellati che vedranno ricette inedite ed esclusive, con prodotti sia territoriali sia forniti in prevalenza dalle oltre 40 aziende espositrici. Oltre 70, invece, i cuochi protagonisti in scena, molti dei quali chef stellati che presenteranno direttamente sul piatto in lavorazione la propria filosofia culinaria.

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati