Avanzi di finocchio… perché non riciclarli con una vellutata?

Avanzi di finocchio… perché non riciclarli con una vellutata?
Ecco a voi una ricetta gustosa per recuperare il finocchio avanzato.

Porzioni: 4

Difficoltà: Facile

Totale: 40 minuti

INGREDIENTI:

  • 400 grammi di finocchi
  • 2 foglie di porro
  • crostini di pane casereccio
  • pepe
  • sale
  • olio extravergine d’oliva

Chi l’ha detto che non si possono creare piatti gustosi e ben curati anche con gli avanzi. Ho creato questa ricetta avendo in mente l’immagine della spiaggia dopo il temporale, così affascinante nel suo insolito disordine.

vellutata-di-finocchi

Preparazione

1- Mondate da un porro una foglia intera (compresa la parte verde), tagliate la foglia a strisce che poi ungerete da entrambi i lati. Cuocetele in forno a 80/100 gradi fino a che non saranno essiccate e friabili (ci dovrebbero volere tra i 20 e i 30 minuti)

2- Preparate i crostini tagliando a cubetti delle fette di pane casereccio, spennellateli con olio d’oliva e dorateli in forno a 150/180 gradi per alcuni minuti (finchè non diventano croccanti)

3- Nel frattempo pulite i finocchi e se sono interi tagliateli a quarti. Cuoceteli a vapore fino a che non saranno molto morbidi (se non potete cuocerli a vapore bolliteli)

4- Frullate i finocchi con 2 dita di acqua di cottura leggermente salata con un frullatori ad immersione fino ad ottenere una crema vellutata ed omogenea. Aggiustate di sale.Se volete renderla ancor più omogenea filtratela con un colino.

5- Potete decidere la consistenza della crema. Se la volete più densa potete farla cuocere per una decina di minuti in una pentola oppure potete aggiungere della panna da mescolare bene con il frullato ad immersione. Per averla più liquida potete aggiungere altra acqua di cottura.

6- Una volta raggiunta la consistenza desiderata aggiungete a filo 3 o 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva mentre mescolate con il mixer. Così facendo la vellutata diverrà più lucida e spumosa.

7- Impiattate riempiendo una fondina con la vellutata, stendete con un cucchiaio una striscia d’olio extravergine nel centro. Sbriciolate il porro sulla vellutata e disponete i crostini tutt’intorno. Completate con una spruzzata di pepe nero.

vellutata-di-finocchi-copertina

 

Il consiglio del cuoco

Consiglio: questo piatto è adatto anche per i vegani (senza l’uso della panna ovviamente) e può essere arricchito unendo al finocchio anche altri ortaggi poco fibrosi come le carote e, la zucca.

 

Cosa ne pensi di questa ricetta? Quali sono gli avanzi che non riesci ad usare? Dicci la tua nei commenti, la prossima ricetta potrebbe essere quella perfetta per te.

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply