Young to Young 2016 – giovani ma pronti!

Young to Young 2016 – giovani ma pronti!
Ci sono una toscana, un veneto e un piemontese...non è una barzelletta ma Young to Young, il confronto fra giovani produttori e blogger all'insegna della qualità e della voglia di fare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

50 volte Vinitaly, mezzo secolo di storia sommando gli anni dei giovani produttori presenti alla  terza edizione di Young to Young, organizzata da Marco Gatti e Paolo Massobrio de “Il Golosario”. Come l’anno scorso, l’evento si ripete, i produttori sono schierati e i blogger in gara “armati”. Largo ai giovani quindi…la parola passa alle storie e alle bottiglie di queste giovani realtà.

1-vinitaly-2016

Ai blocchi di partenza troviamo tre aziende agricole: Il Pino, Tre di Berri e Vigneti di Ettore. Nei  calici, rispettivamente, il Brunello di Montalcino, il Barolo e l’Amarone,  tre tipologie di vino che, se pur profondamente differenti tra loro, generano tra gli eno-appasionati  sempre una grande “faida”: chi in difesa delle proprie radici, chi per gusti personali e chi lo sa perché!? Beh, non vi nascondo che anche io ho una particolare predilezione per una di queste ma per  chi mi segue da più tempo non è una novità (per tutti gli altri: andate a capirlo rileggendo le puntate scorse).
Questioni di cuore a parte, scopriamo insieme i protagonisti di questo appuntamento, che a giudicare dalle sbirciate di calice, si preannuncia imperdibile.

Azienda Agricola Il Pino

Nata nel 2010  nella zona di Montesoli, sul versante senese di Montalcino, come dispensatori di uve a terzi, dalle mani della “solare” Jessica Pellegrino, si é poi convertita ad azienda produttrice.
Azienda giovane, così come i vigneti impiantati dal 2000 al 2007, è situata nella zona di Montesoli, sul versante senese di Montalcino, valle fortemente influenzata dai venti proveniente dal mare.

Brunello di Montalcino 2011 – Fattoria del Pino

2-vinitaly-2016

Il vino si presenta rosso rubino con riflessi granati. Al naso si impone molto fine ed elegante con note di prugna e spezie. La finezza si ripropone al palato, palesandosi accompagnata da una buona acidità ed un tannino delicato. Vino giovane ed abbastanza equilibrato.
Prezzo in enoteca: 45 euro
Vitigni: 100% sangiovese

Azienda Agricola Tre Di Berri

Proveniente da La Morra, Nicola Oberto, ci mette il cuore nel presentare la sua azienda, fortemente influenzata dal produttore d’Oltralpe, Jean Pierre Robert, naturalista sfegatato. Ci tiene, giustamente (come dico sempre “il vino si fa in vigna”), alla presentazione delle sotto-zone del Barolo, le quali presentano terreni e caratteristiche microclimatiche completamente differenti tra loro. Azienda biologica certificata, attenta all’utilizzo dei “solfiti” aggiunti (pioniera nella produzione di Barolo senza solfiti). 8 ettari con 35.000 bottiglie prodotte, il 91% delle quali destinate all’esportazione.

Barolo 2012 Tre Di Berri

3-vinitaly-2016

Dal colore rosso granato con riflessi aranciati, al naso regala delicate note di viola e frutti rossi maturi, gia profonde le note terziare, derivanti dalle lunghe macerazioni sulle bucce. In bocca é chiaramente giovane, con un tannino ancora verde e immaturo, presenta una piacevole freschezza. Vino molto giovane e poco equilibrato, ci vorrà del tempo prima di poterlo apprezzare a pieno
Prezzo in enoteca: 27 euro
Vitigni: 100% Nebbiolo

Azienda Agricola Vigneti di Ettore

L’Azienda Agricola Vigneti di Ettore, fondata dal giovanissimo Gabriele RIghetti, è situata a Negrar, in Valpolicella, zona classica per la produzione di Amarone. Di poche parole Roberto, fortemente ed evidentemente emozionato, riesce però a trasmettere la passione per la viticoltura, ricevuta a sua volta dal nonno, mentore e socio aziendale.
Azienda di 7 ettari, produce 40.000 bottiglie l’anno.

Amarone della Valpolicella Classico 2012 – Vigneti di Ettore

4-vinitaly-2016

Vino dal colore Rubino, giovane e consistente. Al naso offre note di amarena, confettura, mallo di noce, molto complesso e intenso. Al palato è secco, caldo, morbido e consistente, con un intensa freschezza che va a “nascondere” la componente alcolica elevata (ben 16% vol). Vino equilibrato ma tutto sommato ancora giovane
Vitigni: Corvina, Corvinone e Molinara.
Prezzo in enoteca 30 euro

Che dire, tre giovani realtà davvero interessanti con idee e progetti per il futuro molto chiare.

Ringrazio gli organizzatori per la possibilità di partecipare a questo evento ed auguro a tutti un buon proseguimento di Vinitaly.

Viva il vino.

di Paolo Porfidio

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Commenti
Articoli correlati