Riso viola con cavolo rosso e fonduta di asiago


Nato alle porte di Vercelli, il riso viola è un ingrediente innovativo dalle tante proprietà. Scopriamolo nella videoricetta!

di Valentina Masotti di Ricette e Racconti per Lorenzo Vinci

Il riso viola è la recente scoperta di Eleonora Bertolone, risicoltrice piemontese che ha lanciato una novità nel panorama degli smartfood con il suo riso Violet. Naturalmente colorato e aromatico, il riso viola è nato alle porte di Vercelli. Ricco di fibre e antociani, è un riso molto ricercato, ma soprattutto 100% italiano, dalla coltivazione al confezionamento.

Il profumo ricorda il pane appena sfornato, la consistenza del riso una volta cotto si mantiene per alcuni giorni e l’apporto nutrizionale è eccezionale: fibre, sali minerali e antociani, preziosi antiossidanti, fanno di riso Violet un alimento completo, senza glutine e ideale anche per i vegetariani. Vediamo come preparare il riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago.

La ricetta del riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago

Ingredienti per 2 persone

  • 160 gr di riso Violet
  • cavolo rosso
  • Noci
  • Asiago DOP
  • Latte intero
  • Pepe nero
  • Sale Maldon
  • Olio extravergine di oliva

 

Preparazione

1- Innanzitutto fate bollire il riso Violet per 35 minuti, partendo da acqua fredda e senza sale. Una volta pronto, scolate e condite con un filo d’olio, quindi tenetelo da parte.

2- Preparate gli ingredienti con cui servire riso Violet.

3- In una padella scaldate un filo d’olio e fate saltare il cavolo rosso precedentemente affettato. Regolate di sale e pepe e spegnete il fuoco.

4- In un pentolino, fate sciogliere il formaggio Asiago DOP grattugiato a scaglie con un po’ di latte. Potete aiutarvi con una frusta o con un mixer a immersione.

5- Impiattate riso Violet in una fondina, con l’aiuto di un coppa pasta, e conditelo con un filo di olio extravergine di oliva e un pizzico di sale Maldon.

6- Aggiungete la fonduta di Asiago, il cavolo rosso e qualche gheriglio di noce.

Servite caldo il vostro riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago.

riso-viola-ricetta

Lorenzo Vinci

di Valentina Masotti di Ricette e Racconti per Lorenzo Vinci

Il riso viola è la recente scoperta di Eleonora Bertolone, risicoltrice piemontese che ha lanciato una novità nel panorama degli smartfood con il suo riso Violet. Naturalmente colorato e aromatico, il riso viola è nato alle porte di Vercelli. Ricco di fibre e antociani, è un riso molto ricercato, ma soprattutto 100% italiano, dalla coltivazione al confezionamento.

Il profumo ricorda il pane appena sfornato, la consistenza del riso una volta cotto si mantiene per alcuni giorni e l’apporto nutrizionale è eccezionale: fibre, sali minerali e antociani, preziosi antiossidanti, fanno di riso Violet un alimento completo, senza glutine e ideale anche per i vegetariani. Vediamo come preparare il riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago.

La ricetta del riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago.

Ingredienti per 2 persone

  • 160 gr di riso Violet
  • cavolo rosso
  • Noci
  • Asiago DOP
  • Latte intero
  • Pepe nero
  • Sale Maldon
  • Olio extravergine di oliva

Preparazione

1- Innanzitutto fate bollire il riso Violet per 35 minuti, partendo da acqua fredda e senza sale. Una volta pronto, scolate e condite con un filo d’olio, quindi tenetelo da parte.

2- Preparate gli ingredienti con cui servire riso Violet.

3- In una padella scaldate un filo d’olio e fate saltare il cavolo rosso precedentemente affettato. Regolate di sale e pepe e spegnete il fuoco.

4- In un pentolino, fate sciogliere il formaggio Asiago DOP grattugiato a scaglie con un po’ di latte. Potete aiutarvi con una frusta o con un mixer a immersione.

5- Impiattate riso Violet in una fondina, con l’aiuto di un coppa pasta, e conditelo con un filo di olio extravergine di oliva e un pizzico di sale Maldon.

6- Aggiungete la fonduta di Asiago, il cavolo rosso e qualche gheriglio di noce.

Servite caldo il vostro riso viola con cavolo rosso e fonduta di Asiago.

riso-viola-ricetta

Lorenzo Vinci

Commenti
Articoli correlati
Leave a reply